Itinerario n.4 – Castellarano, San Valentino, Telarolo, Rondinara

L’itinerario inizialmente è quello del n.3, da Castellarano a S. Valentino. Cinquanta metri prima della Pieve di S.Valentino si devia sulla destra e si scende verso Telarolo. Incontriamo subito la località “Fiscale” ritenuta una delle costruzioni più antiche di S.Valentino, forse una stazione di posta, lungo la strada fra il castello di Viano e quello di S.Valentino. Più avanti sulla destra Cà De Prodi, di antica origine. Ora vi esiste una villa del 1893 di proprietà dei Gavioli ed un maneggio di cavalli. Dopo casa Prodi la strada scende rapidamente in mezzo ad un bosco di querce e pini assai suggestivo. Sul lato sinistro della strada la “quercia dai cento rami”, così chiamata sul luogo; una vetusta farnia di almeno 400 anni, catalogata fra le piante protette dell’Emilia Romagna. Al termine della discesa, sulla destra, il “lago”, laghetto artificiale, circondato dal bosco, luogo ameno per passeggiate domenicali e per la pesca alla carpa e che è compreso in un complesso ricreativo incentrato su un campo da golf e destinato a diventare una meta internazionale. E’ stato anche luogo di feste popolari e di gare sportive. La strada poi, dopo aver attraversato con uno stretto ponte il Rio Marangone, raggiunge Telarolo, borgo rurale, e prosegue per Rondinara.